PROSSIMI APPUNTAMENTI IN PUGLIA CON CAROVANA FOLKART E ALTRE ASSOCIAZIONI DA NON PERDERE

18 giugno sabato a Corato (BA) in campagna da Marisa

Si danza, si cucina, si mangia in forma autogestita,
già sperimentata lo scorso anno, venite a colpo sicuro.
Stage di danze nuove sabato pomeriggio dalle 17.00
Si balla il sabato sera sino a tardi.
Possibilità di rimanere a dormire in campagna e da altri amici.
Info: Marisa 346 426 7996, Enza 368 747 4750, Francesco 380 437 9140

1 – 3 luglio a Putignano (BA) nell’ambito del Carnevale estivo

Organizza l’Ass. Itinerari e Sentieri. Ospitalità e stage presso la Masseria Capone, animazioni serali per le vie del centro. Partecipazione di gruppi folk musicali.

Info: www.ziogio.it – Gianni Labate 080 405 2982

PIERRE CORBEFIN e PHILIPPE MARSAC (Francia)
Bal a la voix – Branle d’Osseau

CHRISTIAN PACHER e CIAC BOOM (Francia/Poitou)
Danze del Poitou e balfolk

CHARLOT e TOINOU (Francia/Italia)
Michel Esbelin – Cabrette e violini
Andrea Capezzuoli – organetti
Con la partecipazione di Ivano Capelli per le danze (bourrées d’Auvergne)

DANIEL SANDU (Olanda)
Danze Gipsy

CRISTINA ZECCHINELLI (Milano)
Polska svedese

Di seguito i link a Folkampus 2010, raduni regionali di gruppi danza popolare.

Folkampus a Putignano. Sera sull’aia:
Putignano – Sera sull’aia

Folkampus a Putignano. Bambini virtuosi:
Putignano – bambini virtuosi

Folkampus a Putignano. Sera/Notte interno:
Putignano – sera/notte interno

Folkampus a Putignano. I Montemaranesi:
Putignano – i montemaranesi

Folkampus a Putignano. Pomeriggio:
Putignano – pomeriggio

Folkampus a Putignano. Gruppo Sharazade:
Putignano – gruppo sharazade

Folkampus a Biccari. Mattina:
Biccari – mattina

Folkampus a Biccari. Pomeriggio:
Biccari – pomeriggio

Folkampus a Biccari. Sera:
Biccari – sera

Gli Chemin de Fer in Puglia per il progetto Danzarìa, 5 – 7 marzo 2010, a Bisceglie, Corato, Putignano e Lucera

Chemin de Fer a Corato Balfolk
Corato – balfok

Chemin de Fer a Bisceglie Balfolk
Bisceglie – balfok

Chemin de Fer a Putignano Balfolk
Putignano – balfolk

Chemin de Fer a Lucera Balfolk
Lucera – balfolk

Chemin De Fer a Bisceglie. Incontro con gli alunni.
Bisceglie – incontro con gli alunni

Stage a Bisceglie. Bourrée tournant de la Grand Pouterie
Stage Bisceglie – bourrèe tournant de la grand pouterie

Stage a Bisceglie. Courento della Val Chisone
Stage Bisceglie – courento val chisone

Stage a Bisceglie. Tresso
Stage Bisceglie – tresso

Stage a Bisceglie. Courento della Val Varaita
Stage Bisceglie – courento val varaita

Stage a Lucera. Cuntrodanso
Stage Lucera – cuntrodanso

Stage a Lucera. Pas d’été
Stage Lucera – pas d’été

Stage a Lucera. Bourrée 3 tempi a 4
Stage Lucera – buorrée 3 tempi a 4

Stage a Corato. Courento de la Rocho
Stage Corato – courento de la rocho

APPUNTAMENTI GIUGNO – LUGLIO 2010 VICINI E LONTANI DA NON PERDERE

Aspettando Zingaria ad Accadia (FG)
Ogni mercoledì dalle 21.00 in poi ad Accadia (FG) dal 22 giugno al 4 agosto. Si balla in piazza Municipio con il gruppo danze di Accadia. Ingresso libero.

Gran Bal Trad a Vialfrè (TO)
Dal 23 al 27 giugno l’appuntamento Balfolk più importante d’Italia. Previo iscrizione.

Lamarcafolk a Maiolati Spontini (AN)
Dall’1 al 4 di luglio l’importante festival concorso con stage e concerti. Ingresso libero.
Gruppi provenienti anche da Spagna e Portogallo.

Canti e balli sotto la luna a Puglietta-Campagna (SA)
Dal 2 al 4 luglio, organizzato anche dai Picarielli, stage e concerti a ballo. Ingresso con iscrizione.

Gran Bal de l’Europe a Gennetines (Francia)
Dal 18 al 25 luglio l’appuntamento Balfolk più importante d’Europa. Ingresso con iscrizione.

Vertanzt Festival a Rothenbach (Svizzera)
Dal 29 luglio al 1° agosto. Ingresso con iscrizione.

Festival Andanzas in Portogallo
Dal 2 all’8 agosto. Il festival più importante del Portogallo. Ingresso con iscrizione

Il gruppo danze Corato (BA),
per festeggiare 9 mesi di corso,
“partorirà” una bella maratona di danze popolari
sabato 19 giugno a Corato in campagna da Marisa Mastrototaro.

Inizio alle ore 18.00, pausa cena autogestita con braceria, prosieguo ad oltranza.
Rinomata ospitalità dei simpaticissimi padroni di casa
Sono invitati anche gli amici ballerini degli altri gruppi danza.
Per chi non conosce la strada
è prevista la partenza comune alle 15.30
davanti alla scuola Imbriani che ha ospitato il corso.
Oppure telefonate a Marisa 346 426 7996.

Il gruppo danze Accadia (FG) non farà feste di fine corso, sia perché gli incontri ballerecci già si trasformano spesso in mangerecci, sia perché
NON VUOLE SMETTERE!!!

E allora è nata la proposta.

ASPETTANDO ZINGARIA…

Tutti i mercoledì dalle 21.00 in poi, a cominciare dal 23 giugno e sino al 4 agosto, si danza all’aperto in piazza Municipio non si pagano quote di iscrizione.

Se ci sono ballerini disoccupati di altri gruppi sono i benvenuti.

Anche l’ospitalità del gruppo danze di Accadia è rinomata!!!

I PROSSIMI APPUNTAMENTI CON CAROVANA FOLKART

Domenica 17 gennaio 2010 a Biccari (FG)
Falò di S. Antonio con il gruppo Ràreca Antica di Salerno/Napoli

Mercoledì 20 gennaio 2010 ad Accadia (FG)
Falò di San Sebastiano (festa patronale) con i gruppi:
Duo Semeraro (danze del sud) e Scuola di Tarantella di Montemarano

Sabato e domenica 6 – 7 febbraio 2010 a Putignano (BA)
Balli alla Masseria Capone (6 febbraio) Partecipazione al Carnevale di Putignano (7 febbraio) Animazione con Itinerari e Sentieri e Carovana FolkArt

Sabato e domenica 13 e 14 febbraio 2010 a Montemarano (AV)
Carnevale di Montemarano con la Scuola di Tarantella di Montemarano

Sabato e domenica 20 e 21 febbraio 2010 a Bisceglie (BA)
Progetto Danzarìa: formazione per gli insegnanti
Stage e festa con il gruppo…

Sabato e domenica 6 e 7 marzo 2010 a Lucera (FG)
Progetto Danzarìa: formazione per gli insegnanti
Stage e festa con il gruppo…

Venerdì, Sabato e Domenica 5 – 6 – 7 marzo 2010 a Corato, Bisceglie e LuceraAbracadanze 2 – Progetto Danzarìa: formazione per gli insegnantiStage e concerti a ballo con il gruppo franco occitano “Le Chemin De Fer”

VIDEO CAPODANZE

Video di Attila e Mauro Serafino Mazurca clandestina nell’aula 6
Capodanze 2009 – Il Fante e il Re (Mazurka)

ISCRIZIONE PER IL SOLO 31 DICEMBRE

Saranno accettate anche le iscrizioni giornaliere per il solo 31 dicembre (25€) a condizione che queste siano prenotate improrogabilmente entro il 29 dicembre via mail (carovanafolkart@gmail.com) o via sms (380 437 9140). Ci riserviamo in caso di necessità di sdoppiare il concertone nelle ore di punta: dalle 23.00 alle 01.30 nell’atrio della scuola mentre nella tensostruttura ci sarà orario continuato dalle 17.00 del pomeriggio (pausa cena alle 19.00).

Attenzione!!! Nel caso in cui il concertone non venga sdoppiato non saranno accettate le persone che non hanno prenotato via mail o via sms.

31 DICEMBRE CENONE

Coloro che si iscrivono per il solo 31 dicembre possono prenotare anche il cenone se interessati e lo stesso dicasi per gli amici iscritti al 2° modulo dal 31 in poi. Da prenotare improrogabilmente entro il 29 dicembre via mail o sms specificando se si desidera la versione vegetariana.

Gli iscritti al primo modulo potranno prenotarlo sul posto entro la stessa data del 29 dicembre (il giorno 30 le cuoche vanno a fare la spesa e chi c’è c’è). Le prenotazioni si chiuderanno a 250 e consigliamo a chi non riesce a prenotare in tempo di portarsi da mangiare perché di solito i ristoranti locali sono super pieni con i cenoni locali. Non si accetteranno persone che non hanno prenotato.

Auguri a tutti gli amici di Carovana Folkart, ballerini e musicisti, ed in particolare a Gianfranco e Maria di Trieste, che non è proprio dietro l’angolo, ma li sentiamo comunque vicinissimi alla Puglia nonostante da un paio d’anni sono impossibilitati a partecipare ai nostri festival.

Per Capodanze è tutto pronto, addirittura lo staff con largo anticipo ha già eletto all’”umanità” “il personaggio del festival”: la decisione sarà comunque ratificata dall’assemblea dei partecipanti e la notte di Capodanno saranno incoronati a pari merito i mitici “serafini” Lucio e Mauro (il movente è klandestino e la movenza è una mazurka: aula 6, un festival dentro il festival) e la altrettanto mitica “serafina francese acquisita” Maud, anche per averci portato al festival una ventina di amici d’oltralpe, compreso il gruppo Borèale.

Insomma le magie del festival si tingono d’angelico e la commistione fra sacro e profano si rinnova come nelle migliori tradizioni popolari. Si salvi chi può…

Basta se no mi commuovo troppo…

Buone notizie per i prossimi FeStages di gennaio, febbraio e marzo!!!

Da venerdì 15 a mercoledì 20 gennaio stiamo organizzando un tour con Yves Le Blanc per inaugurare i corsi dei gruppi di Abracadanze 2010 (venerdì 15 Corato e Bisceglie (BA), sabato da definire, domenica 17 il gruppo di Biccari (FG) con festa di S.Antonio tra i falò, mercoledì il gruppo di Accadia (FG) in occasione della festa patronale di San Sebastiano con un’altra decina di falò per le vie e piazze del paese).

La Regione Puglia, Assessorato Diritto allo Studio, ha rifinanziato il progetto “Danzarìa: il folk nella scuola, le scuole nelle piazze” e in collaborazione con gli Istituti scolastici “Monterisi” di Bisceglie e “Tommasone” di Lucera sono previsti due momenti di formazione con feste finali probabilmente nel primo weeek-end di febbraio a Bisceglie e nel primo week-end di marzo a Lucera. Gruppi e insegnanti in trattativa.

Buon Natale e Anno Nuovo dallo staff di Capodanze!

CAPODANZE 2009: APPUNTAMENTI CON LA TRADIZIONE

“Parliamone, cantiamone, balliamone…”

Sempre più prezioso lo spazio dedicato alla tradizione e ai suoi portatori, anziani e non. Quest’anno gli dedichiamo più spazio e attenzioni. Mattatori principali saranno Gianni Amati e Annamaria Bagorda, già D.A. della recente inaugurazione dell’Archivio Sonoro della Puglia, instancabili ricercatori anche fuori regione, in Calabria, Basilicata, Campania.

Naturalmente sono stati invitati anche i “diversamente giovani”, quelli che, a dispetto della loro età, continuano a testimoniarci, con amore e semplicità, l’inestimabile patrimonio immateriale appreso per via orale dai loto antenati contadini. In particolare l’ultimo giorno si incontreranno e incontreremo: Antonio Piccininno di Carpino, Francesco Capobianco e la sua zampogna di Panni, Zì Fonso voce campana della Paranza ‘o Lione, le over 80 di Montemarano (Olimpia, Chilina, Menella, Giulia), Costantino Ravarelli, stornellatore a braccio marchigiano, a volte poeta, a volte licenzioso.

In questa sezione del festival troveremo documentazioni spesso inedite (filmati, canti, danze, CD, libri, ecc.) alternati agli approfondimenti antropologici del caso, come al solito in forma leggera, quel tanto che basta per capirne di più sulle origini delle nostre preziose tradizioni che, nella misura in cui continuano ad emozionarci e darci energia, sono tutt’altro che morte e sepolte.

A noi il compito di custodirle e riviverle in ogni forma possibile…

CE NE PARLERANNO E CE NE CANTERANNO…:
Tutti i giorni del festival presso il Teatro Comunale dalle 15,30 alle 17,00

28 dicembre 2009:
Suoni Rurali (Puglia) – Mappa Pugliese dei Suonatori Tradizionali – Nagrù (Calabria) – Canti e Danze dal Cosentino – Pina Pisani & Compagnia (Gargano) – Le Tarantelle del Gargano

29 dicembre 2009:
Suoni Rurali/Vincenzo Santoro (Puglia) – L’Archivio Sonoro della Puglia e Altre Raccolte – Ràreca Antica (Campania) – Varietà di Fronne e Tammurriate – Malarazza (Puglia) – Tamburi e Tmburelli – I Musicanti della Motta (Calabria) – Tarantelle calabresi

30 dicembre 2009:
Suoni Rurali/Gaetano Chirico (Puglia) – Danza Scherma: Origini e Dimostrazione Pratica – Nagrù (Calabria) – Canti e Danze dal Cosentino – Serenata Battente Gargano) – Canti di Sdegno e Serenate – Biagio Panico e Claudio “Cavallo” (Salento) – Video Torre Paduli

1 gennaio 2010:
Suoni Rurali (Puglia) – Pizziche del Basso e Alto Salento – Scuola di Tarantella (Montemarano) – Carnevale e Tradizione – Maraspada (Piemonte) – Canti delle Valli Occitane – Costantino Ravarelli/Roberto Lucanero (Marche) – La Paroncina (canto licenzioso di Senigallia)

2 gennaio 2010:
Suoni Rurali (Puglia) – Tradizioni in Calabria e Lucania – Paranza ‘o Lione e Zì Fonso (Campania) – Le Tammurriate Campane – Andrea Capezzuoli (Lombardia) – “Questua delle uova” – Maraspada (Piemonte) – Canti delle Valli Occitane

3 gennaio 2010:
Suoni Rurali/Francesco Capobianco (Puglia) – La Zampogna di Panni e Altre Storie – Aiarule e Antonio Piccininno (Gargano) – Serenate e Canti di Questua – Paranza ‘o Lione e Zì Fonso (Campania) – Fronne e Stornelli – Costantino Ravarelli/Roberto Lucanero (Marche) – La Pasquella (canto di questa dell’epifania del Maceratese) – Le over ’80 di Montemarano: Olimpia, Chilina, Menella, Giulia – Il Carnevale Montemaranese tra ballo e canti

CAPODANZE 2009 – CALENDARIO CONCERTI A BALLO

Ore 22.00 – 03.00 con amplificazione il 31: ore 18.00 – 05.00

27 dicembre 2009:
Proposte musicali con i CD – Danze del sud e internazionali
A cura degli insegnanti di Carovana FolkArt

28 dicembre 2009:
Malarazza: pizziche
Folk Escort: balfolk
I Musicanti della Motta: tarantelle calabresi
Spazio insegnanti e corsisti: Anna Cirigliano/Isis/Gianni Labate
Nagrù: tarantelle calabresi
Borèale: francesi e internazionali
Suoni Rurali: pizzica e dintorni

29 dicembre 2009:
Suoni Rurali: pizzica e dintorni
Folk Escort: balfolk
Ràreca Antica: tammurriate
Spazio insegnanti e corsisti: Anna Cirigliano/Isis/Gianni Labate
Daskaloi se Kinisi: danze greche
Nagrù: tarantelle calabresi
Borèale: francesi e internazionali
Malarazza: pizziche

30 dicembre 2009:
Malarazza: pizziche
Serenata Battente: tarantelle del gargano
Spazio insegnanti e corsisti: Anna Cirigliano/ISIS
Borèale: francesi e internazionali
Ràreca Antica: tammurriate
Nagrù: tarantelle calabresi
Suoni Rurali: pizzica e dintorni
Folk Escort: balfolk

31 dicembre 2009:
Scuola di Tarantella: montemaranese
Jenni Bordones Group: danze venezuelane
ISIS: danza del ventre
Malarazza: pizziche
Mara Spada: balfolk
Spazio insegnanti e corsisti: Anna Cirigliano/Gianni Labate
Ràreca Antica: tammurriate
Andrea Capezzuoli/Luca Rampinini: balfolk
Borèale: francesi e internazionali
Suoni Rurali: pizzica e dintorni

1 gennaio 2010:
Suoni Rurali: pizzica e dintorni
Roberto Lucanero Band: saltarello marchigiano
Paranza ‘O Lione: tammurriate
Spazio insegnanti e corsisti: Isis/Jenni Bordones Group
Andrea Capezzuoli/Luca Rampinini: balfolk
Scuola di Tarantella: montemaranese
Mara Spada: balfolk

2 gennaio 2010:
Mara Spada: balfolk
Paranza ‘O Lione: tammurriate
Spazio insegnanti e corsisti: Isis/Jenni Bordones Group/Gianni Labate
Scuola di Tarantella: montemaranese
Andrea Capezzuoli/Luca Rampinini: balfolk
Roberto Lucanero Band: saltarello marchigiano
Suoni Rurali: pizzica e dintorni

3 gennaio 2010 (notte bianca conclusiva):
Aiarule/Antonio Piccininno: tarantelle del gargano
Andrea Capezzuoli/Luca Rampinini: balfolk
Scuola di Tarantella: montemaranese
Roberto Lucanero Band: saltarello marchigiano
Spazio insegnanti e corsisti: Isis/Jenni Bordones Group/Gianni Labate
Suoni Rurali: pizzica e tarantelle
Mara Spada: balfolk
Paranza ‘O Lione: tammurriate

REGOLAMENTO ISCRIZIONI CAPODANZE 2009:

La partecipazione ai concerti a ballo serali del festival nella tensostruttura di S. Agata è gratuita fatta eccezione per il 31 dicembre quando saremo nel palazzetto dello sport del Comune di Accadia.

Per chi vuole frequentare anche gli altri momenti del festival (stage, dopofestival, ecc.) o usufruire del pernottamento a scuola e della mensa convenzionata, è necessario iscriversi come socio e versare il contributo previsto per le spese organizzative, anche se non si partecipa ai corsi.

L’intero festival è suddiviso in due moduli: il primo va dal 28 al 31 dicembre compreso e il secondo dal 31 dicembre al 3 gennaio.

SPECIALE CORSI DI LIVELLO AVANZATO:

In questa XII edizione di Capodanze è stata introdotta una importante novità nei corsi di danza: per la prima volta sperimentiamo dei corsi di livello avanzato, della durata di 4 incontri concentrati tutti in un modulo, 1° o 2°, con le seguenti caratteristiche (max 20 persone, danze più complesse e/o maggiore approfondimento coreutico delle stesse, luogo appartato senza spettatori e cineoperatori, video didattico e CD, ecc.) a cui si può accedere con un supplemento iscrizione di 15€ per ciascun corso.

I gruppi e/o gli insegnanti incaricati di condurre i corsi di livello avanzato svolgeranno anche il corso di livello base (quello che normalmente si tiene al festival) per cui tutti i partecipanti al festival hanno la possibilità di frequentare i corsi dei gruppi e insegnanti desiderati.

Speriamo che questa novità possa consentire di conseguire due obiettivi: il primo è quello di offrire ai tanti partecipanti che lo desiderano un corso di livello avanzato in condizioni ottimali, il secondo è quello di affrontare i maggiori costi del festival senza aumentare le quote di iscrizione a tutti ma chiedendo un contributo aggiuntivo in cambio di un servizio supplementare solo a chi è più interessato e/o facoltoso.

Gli insegnanti/gruppi che quest’anno condurranno sia il corso di livello base che il corso di livello avanzato sono: Cristina Casarini, Daniel Sandu, Christian Pacher con Ciac Bum, ……..

Per partecipare ai corsi di livello avanzato è necessario prenotarli al momento dell’iscrizione compilando la voce specifica nel relativo modello; al loro arrivo in ricezione riceveranno l’apposito pass per l’accesso ai corsi scelti.

Per iscrivervi telefonate prima al 380 437 91 40 oppure 0881 963480 (Francesco) per verificare se ci sono posti per dormire: sacco o letto nelle aule della scuola, appartamenti e alberghi. In caso di necessità sono disponibili anche appartamenti e B&B nel vicino Comune di Accadia (!” km). Per gli alberghi di altri Comuni (Candela, Panni, Monteleone, Anzano) la prenotazione è libera. Quando i posti sono esauriti non accettiamo più iscrizioni per rispetto di chi vorrebbe venire e di chi si è già prenotato. Chi arriva senza prenotazione lo fa a proprio rischio.

La prenotazione del posto a dormire va confermata contestualmente con il pagamento dell’iscrizione da effettuare tramite bonifico bancario intestato all’Ass. Cult. Carovana Folkart via C. Battisti 12 –71026 Deliceto (FG) Codice IBAN IT 60 D 05424784 0000000 1012705 – BIC: BPBAIT3BXXX

Una copia del bonifico va mandata via fax al n. 0881 963480, oppure via mail carovanafolkart@gmail.com, insieme al modulo di iscrizione scaricabile dal sito www.zingaria.com.

Chi si iscrive e non può più partecipare, recupera l’intera quota se trova un sostituto oppure, se si avvisa almeno una settimana prima, può scalare l’importo per il festival successivo o recuperare subito il 50% della quota. Perde l’iscrizione negli altri casi.

Il contributo di iscrizione al festival, da versare sia se si partecipa ai corsi sia se si è accompagnatori, dipende dal periodo in cui viene effettuato il pagamento. Per partecipare solo ai corsi di livello base sono previsti i seguenti contributi, comprensivi anche del tesseramento all’ass. Carovana Folkart

Entro il 31 ottobre è di:
30€ per uno qualsiasi dei due moduli comprendente anche il 31 dicembre
50€ per entrambi i moduli

Entro il 15 novembre è di:
40€ per uno qualsiasi dei due moduli compreso il 31 dicembre
70€ per entrambi i moduli

Entro il 30 novembre è dì:
50€ per un qualsiasi dei due moduli compreso il 31 dicembre;
80€ per entrambi i moduli

Entro il 20 dicembre:
60€ per un qualsiasi dei due moduli compreso il 31 dicembre;
90€ per entrambi i moduli

Dopo il 20 dicembre o sul posto è di:
70€ per uno qualsiasi dei due moduli compreso il 31 dicembre
100€ per entrambi i moduli;

N.B. IL SUPPLEMENTO PER CIASCUN CORSO DI LIVELLO AVANZATO E’ DI 15€

Altre situazioni:
15€ per un solo giorno e se si è autonomi per il pernottamento;
20€ per chi viene solo il 31 dicembre;

Per i residenti all’estero (allegare fotocopia documento di identità) vi è lo sconto del 50%.

Per i ragazzi sino a 14 anni l’iscrizione è gratuita, da 14 a 18 è del 50%. I bambini che occupano il posto letto a scuola pagano la quota di pernottamento per intero.

PER DORMIRE:
A scuola: con sacco a pelo €7.00, con letto €12.
Appartamenti e alberghi: da 18€ a 25€ a persona secondo i casi.

Essendo il giorno 31 dicembre in Comune ai due moduli potrebbero esaurirsi con largo anticipo i posti a dormire per tale data. La precedenza sarà data in ordine di iscrizione. Per coloro che non troveranno più posto per il 31 dicembre nel Comune di S. Agata ricordiamo che c’è la possibilità di dormire con il sacco a pelo nel palazzetto dello sport di Accadia dopo la fine dei concerti a ballo e di usufruire dei relativi servizi oppure negli alberghi dei Comuni vicini.

Per motivi logistici mettiamo a disposizione i posti letto disponibili nel Comune di S. Agata (scuola, appartamenti e alberghi) solo per chi si iscrive ad almeno tre giorni di uno stesso modulo del festival. Nel caso si fosse autonomi per il pernottamento si accettano anche iscrizioni giornaliere di €15.

La ricezione dei partecipanti avviene presso la scuola media di S.Agata, adiacente il convento di S. Antonio, a partire dalle ore 16.00 del 27 dicembre 2010.

Con la registrazione, viene dato ai partecipanti un braccialetto colorato a seconda del modulo a cui si partecipa e del numero di giorni. Questo dà diritto a frequentare tutte le attività del festival all’interno della scuola (stage, mensa, convegni, dopofestival).

Per motivi di sicurezza l’ingresso nelle strutture scolastiche che ospitano il festival è consentito solo agli iscritti muniti dell’apposito braccialetto e che occorre esibire al personale di sorveglianza, diurna e notturna, ogni volta che si entra nella scuola.

L’accesso agli stage è consentito solo agli iscritti; gli altri possono accedervi per max 20 minuti rilasciando un proprio documento in ricezione.

Con gli insegnanti di Carovana Folkart sono ripartiti i corsi di danze popolari.
Ad Accadia dal 29 settembre tutti i mercoledì
A Corato dal 9 ottobre tutti i venerdì
A Bisceglie dal 16 ottobre tutti i venerdì
A Biccari da sabato 17 ottobre e poi tutte le domeniche

Clicca qui per ulteriori informazioni

Ripartono i corsi di danza con gli insegnanti di Carovana Folkart
Ad Accadia (FG) dal 29 settembre tutti i mercoledì
A Corato (BA) dal 9 ottobre tutti i venerdì
A Bisceglie (BA) dal 16 ottobre tutti i venerdì
A Biccari (FG) da sabato 17 ottobre e poi tutte le domeniche

Per altre info clicca qui

CORSO GRATUITO (VIAGGIO, ALLOGGIO, PASTI, SEMINARIO) per i cittadini europei su STRUMENTI E MUSICA POPOLARE DEL PATRIMONIO EUROPEO
Ubicazione: Urbino (Italia)
Ultimo giorno per inviare il modulo di domanda: 15 settembre 2009

PROGRAMMA:
31/01/2010
Giorno di arrivo
I partecipanti accolgono e alloggiano
Cena di benvenuto

01/02/2010
Introduzione al corso.
Confronto ed esempi di esperienze significative.
Laboratorio tecnico-pratico, preparazione di un’esposizione di strumenti musicali.

02/02/2010
Laboratorio tecnico-pratico.
Preparazione dello spettacolo e approccio ad una conoscenza tattile degli strumenti.
Gioco di ruolo sulla proiezione di un evento musicale.
Preparazione di una rappresentazione musicale.

03/02/2010
Laboratorio tecnico-pratico.
Gioco di ruolo sulla proiezione di un evento musicale.
Preparazione di una rappresentazione musicale.

04/02/2010
Laboratorio tecnico-pratico
Preparazione di una rappresentazione musicale

05/02/2010
Preparazione di una rappresentazione musicale
Esposizione finale: concerto musicale serale aperto al pubblico

06/02/2010
Giorno di partenza
Materiale del corso di spedizione
Partenza

Alessandro Perrone
FarmTraveller Sas
www.farmtraveller.com
mktg@farmtraveller.com
Via Allodola 1 – 61100 Pesaro – Italy
Mobile 389 787 6084
Fax 0721 392 334
P. IVA e C.F: 02031200419

Ràreca Antica dalla Campania
tammurriate, pizziche e tarantelle varie

Mjikenda dal Kenia
ritmi, canti e danze africane, soprattutto keniane

Ana Estrela di Salvador de Bahìa
danze afrobrasiliane

Il repertorio di danze internazionali sarà proposto, con i CD, da:
Gianni Labate

dell’Ass. Itinerari e Sentieri (soprattutto greche e balcaniche) e dagli insegnanti di Carovana Folkart:
Francesco Marino – Sibilia Colonna – Marisa Mastrototaro

PROGRAMMA INCONTRI

Sala mensa scuola materna dalle 14.45 alle 15.45

8 agosto 2009
Gianni Amati: mappa del “patrimonio immateriale”
Paranza Di Febbraio: “la giuglianese: canto e danza ”
Maura Guerrera: “canti dai monti peloritani sicilia”
Andrea Capezzuoli: “canti dalle valli francesi ”

9 agosto 2009
Cantatrici di Altamura: “canti sulla cupa cupa e tarantelle”
Ràreca Antica: “canto di sdegno e serenate”
Gianluca Zammarelli: “canti della montagna”
Nagrù: “canti dal cosentino”

10 agosto 2009
Serenata Battente: “serenate del gargano”
Gianluca Zammarelli: “canti della montagna”
Associazione della Furlana: “canti dell’appennino”
Cantore di Accadia: “canti dei monti dauni”

11 agosto 2009
Aiarule/Antonio Piccininno: “serenate del gargano”
Zi Rafè dei Monti Lattari: “fronne e canti dei monti lattari”
Mijikenda: “canti e storie dal kenia”
Ensemble Alto Salento: “accenni di danza scherma”

12 agosto 2009
Suoni Rurali: “l’archivio sonoro della puglia”
Salvatore Russo/Cala la Sera: “serenate del gargano”
Aire d’Ostana: “canti delle valli occitane”
ItinErranti: “canti del basso salento”

E’ dal 2005 che gli “incontri con la tradizione” sono diventati la ciliegina sulla torta dei festival Zingarìa e Capodanze. Si possono approfondire le origini delle danze che balliamo durante gli stage e i concerti a ballo, si possono ascoltare i canti, spesso inediti, dalla diretta voce degli anziani che ce li hanno trasmessi. Il tutto in un’atmosfera molto intima che già si crea tra i tavoli della mensa quando “còtula lu pede” (e le ùgole) di molti “zingari” perché qualcuno ha cominciato (o continuato) a cantare e suonare, tra un bicchiere di vino e qualche sfizietto della tradizione culinaria locale.

…E quindi si spostano velocemente i tavoli, si mettono le sedie in cerchio e si comincia. In maniera molto informale e con contenuti che non hanno niente da invidiare ai convegni dai nomi altisonanti, spesso seriosi, spesso deserti, a dispetto delle ingenti spese per organizzarli. Abbiamo capito che quello che conta, di qualsiasi contenuto più o meno colto (che potremo anche apprendere dai libri senza scomodarci più di tanto), è il modo di trasmetterlo, cioè le emozioni con cui si trasmettono. E non rinunceremo mai alla schiettezza, semplicità, spontaneità, con cui gli anziani portatori ci raccontano le loro storie antiche, né alla competenza degli artisti invitati che da loro hanno appreso direttamente il repertorio che propongono con la massima fedeltà possibile.

La Muntagn Cant E Abball è soprattutto un contenitore di canti, quelli spesso inediti che non troviamo sui CD, non troviamo negli stages e nei concerti a ballo. Ciascun interprete è stato lasciato libero di proporre le serenate, i canti di sdegno, canti di lavoro e di lotta, canti devozionali, ecc. Spazio naturalmente anche ad una breve presentazione delle proposte e relativa contestualizzazione storica e sociale.

CALENDARIO CONCERTI A BALLO ZINGARIA 2009

07 agosto 2009 Accadia
Ore 22.00 con prosieguo
Piazza Municipio
Assaggi di danze con gli artisti e i corsisti già arrivati

08 agosto 2009 Accadia
Spazio 1 Piazza Matteotti – Ore 22.00 – 23.30
Paranza Peppino di Febbraio: tammurriata giuglianese
Anna Cirigliano: flamenco sevillanas
Nagrù: tarantelle calabresi

Spazio 2 Rione Fossi – Ore 22.00 – 23.30
Mijikenda: danze keniane
Silvana Martinz: danza afrobrasiliana e bellysamba
Associazione della Furlana: balfolk e emiliano romagnole

Gran finale Spazio 3 Piazza Municipio – Ore 23.30 – 3.00
Aire d’Ostana: balfolk
Osvaldo Navarro Reinosa: rumba cubana
Suoni Rurali: pizziche
A. Capezzuoli & Compagnia: balfolk

CANDELA NOTTE BIANCA – 9 agosto 2009
Spazio unico Largo… – Ore 22.30 – con prosieguo
Cantori Salentini: pizzica
Andrea Capezzuoli & Compagnia: balfolk
Mijikenda: danze keniane
Silvana Martinz: danza afrobrasiliana e bellysamba
Osvaldo Navarro Reinosa: rumba cubana
Ràreca Antica: tammurriate e tarantelle
Pina Pisani & Compagnia: tarantelle del Gargano
Nagrù: tarantelle calabresi
Associazione della Furlana: balfolk e emiliano romagnole
Gianluca Zammarelli: tarantelle cilentane e lucane
Davide Ancora: tarantelle silane
Suoni Rurali: pizziche
Aire d’Ostana: francesi occitane basche

10 agosto 2009 Accadia
Spazio 1 Piazza Matteotti – Ore 22-00 – 23.30
Cantori salento: pizziche
Anna Cirigliano: sevillanas e flamenco
Serenata Battente: flamenco sevillanas
Gianluca Zammarelli: tarantelle cilentane

Spazio 2 Rione Fossi – Ore 22.00 – 23.30
Mijikenda: danze keniane
Silvana Martinz: danza afrobrasiliana e bellysamba
Osvaldo Navarro Reinosa: rumba cubana
Aire d’Ostana: francesi – occitane – basche

Spazio 3 Piazza Municipio – Ore 23.30 – 3.00
A. Capezzuoli & Compagnia: occitane – francesi ecc.
Cristina Casarini/Nikolaos Kanellopoulos/Leo Rosina: spazio corsisti
Ràreca Antica: tammurriate e tarantelle
Associazione della Furlana: balfolk e emiliano romagnole
Suoni Rurali: pizziche

S. AGATA NOTTE BIANCA – 11 agosto 2009
Spazio unico Largo… – Ore 22,30 con prosieguo
Aiarule e Antonio Piccininno: tarantelle del gargano
Andrea Capezzuoli & Compagnia: balfolk
Cristina Casarini/Nikolaos kanellopoulos, Leo Rosina: spazio corsisti
Mijikenda: danze keniane
Silvana Martinz: danza afrobrasiliana e bellysamba
Osvaldo Navarro Reinosa: rumba cubana
Anna Cirigliano: sevillanas e flamenco
Tammorra di Monte Coppola: tammurriate
Associazione della Furlana: balfolk e emiliano romagnole
Pina Pisani & Compagnia: tarantelle del gargano
Davide Ancora: tarantelle silane
Suoni Rurali: pizziche
Aire d’Ostana: francesi occitane basche

ACCADIA NOTTE BIANCA – 12 Agosto 2009:
Spazio unico Piazza Municipio – Ore 22.30: con prosieguo
Associazione della Furlana: balfolk e emiliano romagnole
Cala la Sera: tarantelle del gargano
Cristina Casarini/Nikolaos kanellopoulos/Leo Rosina: spazio corsisti
ItinErranti: pizziche basso salento
Mijikenda: danze keniane
Silvana Martinz: danza afrobrasiliana e bellysamba
Osvaldo Navarro Reinosa: rumba cubana
Tammorra di Monte Coppola: tammurriate
Aire d’Ostana: francesi – occitane – basche
Davide Ancora: tarantelle silane
Suoni Rurali: pizziche
Andrea Capezzuoli & Compagnia: balfolk

INFORMAZIONI LOGISTICHE:
Durante i concerti a ballo dell’8, 10 e 12 agosto, in piazza Municipio, in adiacenza allo spazio danze, funzioneranno stands enogastronomici a cura della Pro Loco dalle 23.00 alle 3.00. La cena del 9 agosto a Candela sarà allestita all’aperto in adiacenza allo spazio ballo. Gli stands funzioneranno sino alla conclusione della notte bianca folk. La cena dell’11 agosto a S.Agata sarà dislocata in alcuni ristoranti e pub convenzionati. Bar, pub e pizzerie adiacenti la piazza resteranno aperti fino alla conclusione della notte bianca folk. Ad Accadia, in adiacenza agli spazi dedicati alle danze, saranno allestiti stand artistico artigianali a cura di artisti locali e non, e stands di prodotti tipici a cura della Coldiretti provinciale.

Quest’anno Zingarìa… fa rima con Accadìa.

Sarà infatti questo paesino collinare di 3.000 ab. della provincia di Foggia, nel Sub Appennino Dauno, ad ospitare la XIV edizione del festival dall’8 al 12 agosto 2009, con due puntatine (notti bianche) a Candela (9 agosto) e S.Agata (11 agosto).

Scoprite pure sul sito web storia, cultura e monumenti del paese: quello che ho da aggiungere è che logisticamente siamo messi molto bene. Oltre al palazzetto (che più di 500 persone hanno conosciuto all’ultimo Capodanze), vi sono tre scuole a disposizione con due palestre e, dulcis in fundo, un’ampia sala mensa con cucina professionale. Ebbene sì, riabbiamo finalmente la nostra mensa e le nostre cuoche e le nostre danze tra i tavoli che ci sono mancate nelle ultime edizioni. Se avete tempo date un’occhiata a cosa succedeva nella sala mensa in quel di Biccari

Il cast artistico è rinnovato e più abbondante del solito (abbiamo aggiunto alcuni artisti prenotati per il modulo di Corato che non si fa più). Insomma ogni giorno abbiamo 16 corsi di danza distribuiti su 4 spazi in contemporanea, e ben 7 formazioni musicali per ballare dalle 22,00 alle 3,00 di notte, orario ufficiale, a parte le notti bianche. Tre gruppi al giorno (uno di pizzica, uno di tammurriata e uno di tarantelle) che si alterneranno ai tre gruppi di “bal folk” e a quello africano dei Mijikenda.

La proposta di danze del sud è all’insegna dell’approfondimento e della tradizione, grazie anche agli anziani presenti nei gruppi invitati e provenienti dai paesi dove si è maggiormente conservata la tradizione. Ci sarà Peppino Di Febbraio, con la sua paranza di Giugliano (NA), Zi Rafè e la Paranza di Monte Coppola proveniente dai Monti Lattari, contiamo di avere anche, salute permettendo, gli anziani Vincenzo Russo insieme al gruppo Cala la Sera di S.Giovanni Rotondo, e Antonio Piccininno di Carpino con il gruppo garganico Aiarule.

Gianni Amati e Anna Maria Bagorda, già Direttori Artistici della recente inaugurazione dell’Archivio Sonoro della Puglia, tra i maggiori conoscitori delle tradizioni musicali e coreutiche pugliesi, per quanto giovanissimi, hanno il compito di farci conoscere altri cantori anziani provenienti dal Basso/Alto Salento, cosa non facile considerata la distanza (oltre 300 km) e la sempre precaria condizione fisica degli anziani.

Complessivamente tre tipi di tammurriate: Giuglianese, Monti Lattari e agro Nocerino Sarnese, quest’ultima affidata al gruppo dei Ràreca Antica, la pizzica del Basso e dell’Alto Salento, le tarantelle garganiche di S.Giovanni Rotondo e quella di Carpino, affidata anche agli esperti Nicola Rosiello e Pina Pisani, le tarantelle calabresi della Sila, che ci sarà riproposta dal collaudato esperto Davide Ancora, e la tarantella del Cosentino, affidata al nuovo gruppo calabrese dei Nagrù, per la prima volta a Zingarìa, ma di navigata esperienza.

Come sempre “il magico sud” si confronta con le tradizioni di altre regioni italiane (Emilia Romagna, Piemonte, Veneto) e straniere (Spagna, Francia, Grecia, Europa dell’est, Israele, Medioriente, Africa, Centro e Sudamerica)

Tra gli interpreti della tradizione straniera vi segnalo il gradito ritorno del greco Nikolaos Kanellopoulos e del guppo keniano dei Mijikenda, nonchè le new entry Osvaldo Navarro Reinosa, cubano, (mi dicono che per bravura e simpatia è il corrispondente del castigliano Daniel Peces per le danze tradizionali cubane), e Silvana Martinz, nata in Brasile a Sau Paulo, con repertorio che spazia dalle danze afrobrasiliane a quelle orientali.

Sono italiani, ma curano con professionalità impeccabile repertori stranieri, Anna Cirigliano, di Roma, altro gradito ritorno per danzare Sevillanas e flamenco, e le new entry Cristina Casarini dell’associazione Balliamo sul mondo di Reggio Emilia (danze dell’est, in particolare rom) e Leo Rosina di Spinea (VE) con cui esploreremo nuove danze israeliane, di cui è un profondo conoscitore.

Non ci siamo dimenticati naturalmente del repertorio da bal folk (francesi, occitane, basche, ecc.), quello più ballato nei festival del nord ed europei, ma che a Zingarìa, pur occupando un corposo spazio all’interno dei concerti a ballo, non soffoca la straordinaria ricchezza e varietà di altre danze popolari, meno conosciute, sì, ma altrettanto meritevoli di essere proposte, viste, imparate, ballate…

A riproporre curente, gighe, reel, branle, bourrées, bretoni, mazurche, valzer, ecc. ci saranno ben tre gruppi folk, tra cui il pluridecorato Andrea Capezzuoli e compagnia, e due new entry: i musicisti dell’Associazione della Furlana di Monte S.Pietro (BO), con cui balleremo anche le danze emiliano romagnole apprese negli stage, e i piemontesi del gruppo Aire d’Ostana, giovanissimi della serie saranno famosi, armati di organetto, ghironda, violini e altri strumenti, e di tanta voglia di sfondare sia con la loro notevole bravura che con il loro coinvolgente spirito di gruppo.

L’Appennino dauno ci aspetta: Accadìa, S.Agata, Candela, e i loro centri storici da investire con le nostre parate danzanti, con la nostra allegria contagiosa, con la nostra voglia di interagire con la gente semplice ed ospitale che ancora si trova nei piccoli paesi del sud.

REGOLAMENTO ISCRIZIONI ZINGARIA 2009

La partecipazione ai concerti a ballo serali del festival, nelle piazze del paese, è gratuita.

Per chi vuole frequentare anche gli altri momenti del festival (stages, dopofestival, ecc.) o usufruire del pernottamento a scuola e della mensa autogestita, è necessario iscriversi come socio e versare il contributo previsto per le spese organizzative.

Per iscrivervi telefonate prima per verificare se ci sono posti per dormire: sacco o letto nelle aule della scuola. Quando i posti sono esauriti non accettiamo più iscrizioni per rispetto di chi vorrebbe venire e di chi si è già prenotato. Chi arriva senza prenotazione lo fa a proprio rischio. Per alberghi e B&B stiamo convenzionando i costi: potrete poi prenotate direttamente consultando l’elenco che vi sarà proposto sul sito.

La prenotazione del posto a dormire va confermata in uno dei seguenti modi:
1) vaglia postale intestato a Marino Francesco, via C. Battisti 12 –71026 Deliceto (FG)
2) bonifico bancario o versamento su ccp (telefonare per avere i dati);
Una copia del vaglia o del bonifico o del bollettino va mandata via fax al n. 0881 963480, oppure via mail all’indirizzo carovanafolkart@gmail.com .

Alla prenotazione telefonica fate seguire una mail con le generalità complete di chi partecipa in quanto diventate soci dell’Associazione Culturale Carovana FolkArt: nome e cognome, luogo e data di nascita, indirizzo di residenza. Aggiungete anche eventuale mail e cell. che possono sempre essere utili come nel caso di “cerco/offro passaggio”.

Chi si iscrive e non può più partecipare, recupera l’intera quota se trova un sostituto oppure può scalare l’importo per il festival successivo. Recupera il 50% della quota se siamo avvisati almeno una settimana prima dell’inizio. Perde l’iscrizione negli altri casi.

L’iscrizione al festival, sia se si partecipa ai corsi o si è accompagnatori, è di:
50€ se viene fatta entro il 30 giugno 2009;
60€ entro il 15 luglio 2009;
70€ entro il 31 luglio;
80€ dal 1° agosto in poi o sul posto;
25€ per un giorno;
per i residenti all’estero (esibire carta di identità in ricezione) vi è lo sconto del 50%.

Per i ragazzi sino a 14 anni l’iscrizione è gratuita, da 14 a 18 è del 50%. I bambini che occupano il posto letto a scuola pagano la quota di pernottamento per intero.

Per motivi logistici mettiamo a disposizione i posti letto della scuola solo per chi si iscrive ad almeno tre giorni del festival. Nel caso si fosse autonomi per il pernottamento si accettano anche iscrizioni giornaliere di €25.

La ricezione dei partecipanti avviene nella scuola elementare a partire dalle ore 18.00 del 7 agosto 2009. Con la registrazione, viene dato ai partecipanti un braccialetto colorato a seconda del numero di giorni a cui si partecipa. Questo da diritto a frequentare tutte le attività del festival all’interno della scuola (stage, mensa, convegni, dopofestival).

Per motivi di sicurezza l’ingresso nelle strutture scolastiche che ospitano il festival è consentito solo agli iscritti muniti dell’apposito braccialetto e che occorre esibire al personale di sorveglianza, diurna e notturna, ogni volta che si entra a scuola.

INVITO PER FeSTAges 19 – 21 GIUGNO 2009

Tutto pronto per Zingarìa 2009, modulo unico ad Accadia (FG) dall’8 al 12 agosto, con due escursioni (notti bianche) nella vicina S.Agata. Moltissime new entry sia tra gli insegnanti che tra i gruppi, come potete vedere dalla locandina allegata. In settimana ci saranno tutte le altre informazioni utili insieme al nuovo sito di Zingarìa.

Ma intanto vi aspetto alla quarta edizione 2009 di FeStages che comincia…

Venerdì 19 giugno con un trio esplosivo di musicisti, Yves Le Blanc, Andrea Capezzuoli e Osvaldo Laviosa. Saremo ospiti nella Masseria Lamaserena, bella dentro e fuori, in quel di Minervino Murge in contrada Lamalunga (seguire attentamente le istruzioni per raggiungerla). Qui si potrà anche pernottare o cenare (su prenotazione) oppure portatevi voi da mangiare e/o da bere. Prezzi modici per dormire 15€ in camera o 10€ in mansarda con parquet in legno (in entrambi i casi portarsi sacco a pelo e/o lenzuola). Telefonare a Rosanna (347 211 76 74) entro giovedì per prenotare pernotto e/o cena o chiedere della strada. Il giorno dopo visita al vicino Castel del Monte insieme ai musicisti e poi partenza nel primo pomeriggio per Deliceto (FG)…

Sabato 20 giugno dalle 17.00 alle 20.00 stage di danze bretoni con Yves Le Blanc quasi sicuramente all’interno del Castello Normanno Svevo, il cui restauro è agli sgoccioli. Se no saremo nella sala Europa, non prima di aver visitato comunque il Castello (aggiornamenti a breve).
Di sicuro dalle 21,30 ci “riprendiamo” p.le Belvedere, la bella piazza dove è nato (1996) e cresciuto il festival (sino al 2000) prima che il Sindaco di allora ci costringesse a diventare “Zingari”, nel bene e nel male…

…insomma, il Sindaco di allora è stato mandato a casa una settimana fa e questo appuntamento ha tutto il sapore di una rivincita. Dopo sette anni di esilio torniamo a ballare a Deliceto e ci tengo moltissimo a dare un segnale al paese e ai suoi nuovi amministratori che il popolo delle danze c’è ancora e se ci vogliono possiamo riportare Zingarìa a Deliceto, più numerosi di quando lo abbiamo lasciato.
Non è una prova di forza, ma una prova d’amore… il paese e la sua accoglienza sono rimasti nel cuore di tanti amici e molti di loro hanno già dato l’adesione per partecipare … da Salerno, Biccari, Lucera, da Bari e provincia.
Vi aspetto numerosi, ballerini, insegnanti, musicisti e affini, per festeggiare il ritorno a Deliceto insieme a Yves Le Blanc, agli insegnanti di Carovana Folkart, al gruppo danze del progetto Peter Pan, al neonato gruppo folk delle scuole medie “Danzarìa”.
Per chi ha bisogno di pernottare, ci sono sia soluzioni comode che economiche, telefonatemi…

Domenica 21 giugno dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 17.00, FeStages continua insieme a Yves Le Blanc sotto gli alberi secolari (quindi al fresco) della villa comunale di Bovino (Comune capofila del progetto Peter Pan a 10 km da Deliceto). Anche a Bovino c’è un bellissimo castello da visitare insieme ad uno dei centri storici più belli del Sub Appennino.

A Minervino Murge è previsto un contributo spese di 10€, stage + concerto, 8€ solo concerto.
A Deliceto e Bovino stage e concerto a ballo sono gratuiti. Insegnanti e musicisti che vogliono aggregarsi sono i benvenuti se si portano la voglia di suonare e di danzare.

Vi aspetto, Francesco